Home » Su Wikipedia le aziende possono fare molto più di quello che pensano, senza violare le regole. Il caso Terna

15/05/2018

By: 

Daniele Righi

Su Wikipedia le aziende possono fare molto più di quello che pensano, senza violare le regole. Il caso Terna

Sapevamo che sarebbe stata una sfida. Oggi possiamo dire di averla superata con successo.

Prima di parlarne è necessario fare un passo indietro e osservare il contesto.

Aziende su Wikipedia: una questione molto delicata

Il rapporto tra Wikipedia e le aziende non è mai stato idilliaco. Da una parte abbiamo l’enciclopedia libera, a cui ogni giorno contribuiscono migliaia di volontari attraverso contenuti scritti da un punto di vista neutrale e il cui scopo principale è diffondere conoscenza; dall’altro ci sono le aziende gestite invece da professionisti e il cui obiettivo è quello di aumentare i profitti.

Sembrerebbero due galassie infinitamente lontane, poli opposti. In realtà possiamo dire che condividono l’interesse nei confronti della correttezza delle informazioni. Contenuti inaccurati o contenenti errori, infatti, danneggiano sia aziende sia Wikipedia sul piano della reputazione.

Nonostante ciò, alle aziende si raccomanda di non contribuire ai contenuti ad esse dedicati su Wikipedia a causa dell’inevitabile conflitto di interessi. Qualunque tipo di contenuto sull’enciclopedia libera deve infatti essere scritto secondo un punto di vista neutrale.

Non tutto è perduto. Come dimostra il caso descritto di seguito, ci sono significativi spazi di manovra.

Dal 2008 formiamo e supportiamo le aziende attraverso il nostro framework, aiutandole a migliorare i contenuti su Wikipedia, il 5° sito più visitato al mondo, nel pieno rispetto delle regole.

Il caso Terna

L’ambizioso obiettivo del progetto era quello di supportare Terna, gestore della rete di trasmissione italiana (una delle più moderne e tecnologiche in Europa), nel mettere a disposizione dell’enciclopedia libera la propria competenza unica, utile a migliorare i contenuti riguardanti il proprio settore, quindi relativi all’energia elettrica.

In base alle informazioni di cui disponiamo questo è il primo caso in Italia in cui un’azienda contribuisce con successo a Wikipedia in questo modo.

In principio abbiamo iniziato fornendo a Terna gli strumenti per comprendere come agire sull’enciclopedia, quali ragionevoli aspettative avere e quanto importante quest’avventura si sarebbe potuta rivelare: contenuti migliori e più accurati accessibili a tutti.

Ad uno stadio più avanzato di progetto, grazie anche alla collaborazione degli ingegneri Terna, abbiamo mappato e valutato la qualità delle voci riguardanti l’energia elettrica, preparato le proposte di integrazione o modifica e lavorato con la comunità di Wikipedia per colmare le lacune.

Risultati

Quello che ci ha portati al risultato è stato un processo lungo, condotto scrupolosamente, che ha richiesto tempo e impegno. La community di Wikipedia in tutto questo si è dimostrata accogliente e riconoscente.

Abbiamo potuto creare una pagina su Wikipedia interamente dedicata al progetto,  e ben accolta dalla comunità Wikipediana.

Inoltre, Wikimedia Italia, capitolo italiano della Wikimedia Foudation, una fondazione non-profit che gestisce numerosi progetti collaborativi tra cui Wikipedia, ha dedicato un articolo sul proprio blog al caso Terna, presentandolo come un esempio di come un’azienda dovrebbe contribuire all’enciclopedia libera.

Sempre pronti per nuove avventure: cosa ci aspetta

Quest’anno la Lundquist Wikipedia Research, che valuta la qualità delle voci Wikipedia dedicate alle aziende, compie 10 anni.

Nel corso dell’ultimo decennio abbiamo formato e supportato le aziende su Wikipedia.

Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare. Numerose aziende non sanno come comportarsi, sono già state in qualche modo sanzionate e sono esposte a conseguenze potenzialmente impattanti sulla loro reputazione.

Siamo qui per questo, per supportare e risolvere quando e dove serve. Per maggiori informazioni sulle opportunità da cogliere contatta direttamente Daniele Righi ([email protected] ).